Pages

vendredi 18 mai 2018

Federico Pucci: Pioniere dimenticato della traduzione automatica

Federico Pucci
Pioniere dimenticato della traduzione automatica

(English version)            (Slideshare)              (Version française)

E’ il titolo del libro che la nipote di Federico Pucci ed io abbiamo deciso di scrivere insieme, e di cui vi proponiamo qua la prefazione:

Cercando su Google traduction automatique, il motore restituisce oltre 2,5 milioni di risultati, praticamente tanto quanto per traduzione automatica, e quasi 11,5 milioni per machine translation (MT), e così via in tutte le lingue. Dei numeri inevitabilmente destinati ad aumentare negli anni a venire.

Mai come oggi si è parlato così tanto di traduzione automatica, e l'arrivo della traduzione automatica neurale, che sfrutta l’intelligenza artificiale, promette di rivoluzionare nuovamente il campo. Questa sarà la seconda evoluzione maggiore in meno di 20 anni, dopo la prima ondata rivoluzionaria, firmata Google negli anni 2000.

Uno dei ricercatori più autorevoli nella storia della traduzione automatica è senz'altro John Hutchins, il cui articolo « Machine Translation: History », pubblicato nel 2006 in Encyclopedia of Language & Linguistics, Second Edition (Elsevier), inizia con il capitolo « Precursors and Pioneers, 1933–1954; ecco le prime righe(1):
Although we might trace the origins of ideas related to machine translation (MT) to 17th-century speculations about universal languages and mechanical dictionaries, it was not until the 20th century that the first practical suggestions could be made, in 1933 with two patents issued in France and Russia to Georges Artsrouni and Petr Trojanskij, respectively. Artsrouni’s patent was for a general-purpose machine that could also function as a mechanical multilingual dictionary. Trojanskij’s patent, also basically for a mechanical dictionary, went further with detailed proposals for coding and interpreting grammatical functions using ‘universal’ (Esperanto-based) symbols in a multilingual translation device. 
Hutchins asserisce quindi chiaramente che i precursori della traduzione automatica sono Georges Artsrouni e Petr Trojanskij, e l'anno di riferimento è il 1933. Un'asserzione unanimamente riconosciuta e, per quanto ne so, mai messa in dubbio da nessuno.

Tuttavia, in precedenti documenti redatti dallo stesso autore, egli menziona per due volte tale Federico Pucci, di Salerno. La prima volta nel 1997, in un testo intitolato « First Steps In Mechanical Translation » (2):
In August 1949, the New York Times reported from Salerno that an Italian named Federico Pucci, had invented a machine to translate, saying that it would be exhibited at a Paris Fair; but no more was to be heard of it. 
poi aggiornato nel 2005(3):
On 26 August 1949, the New York Times reported (page 9) from Salerno:  Federico Pucci announced today that he had invented a machine that could translate copy from any language into any other language. He said that the machine was electrically operated, but refused to disclose details. He said that he would enter it in the Paris International Fair of Inventions next month.   
It is uncertain whether Pucci had any knowledge of Huskey’s proposals, and it seems most unlikely he knew about Weaver's memorandum or the British experiments. In any event, there is no trace of any demonstration at the Paris fair; and nothing more is known about Pucci 
Ossia una decina di righe in tutto, ma che danno l'avvio ad una scoperta straordinaria, oltre che una formidabile avventura umana: quelle di Federico Pucci, di cui nessuno aveva mai saputo altro se non quelle poche parole, finché una irrefrenabile curiosità non mi spinse a saperne di più…

Eppure il merito di aver pubblicato il primo testo al mondo sul traduttore "meccanico" dei tempi moderni gli deve essere attribuito, già nel 1931 (anno IX dell'era fascista!):



E per quanto ne sappiamo, scriverà 10 libri in 30 anni sulla sua idea d'invenzione, totalmente sconosciuti ancora oggi.

Nello scrivere questa prefazione, poco più di un anno dopo aver pubblicato sul mio blog il primo post su questa incredibile storia, intitolato « Traduzione automatica: SCOOP sul traduttore dinamo-meccanico! » (in francese), mi rendo conto che la strada percorsa, già ricca e intensa, è di molto inferiore a quella che rimane da percorrere prima di vedere universalmente riconosciuto il ruolo di Federico Pucci come storico precursore della traduzione automatica, e che un'Università, oppure uno dei maggiori protagonisti della traduzione automatica nel mondo, non raccolga il suo lavoro e le sue intuizioni per finalmente realizzare un prototipo funzionale della sua « macchina per tradurre »…

Salerno, Pasqua 2018

Bibliografia

(1) Hutchins J (2006), Machine Translation: History. In: Keith Brown, (Editor-in-Chief) Encyclopedia of Language & Linguistics, Second Edition, volume 7, pp. 375-383. Oxford: Elsevier.
http://www.hutchinsweb.me.uk/EncLangLing-2006.pdf
(2) FIRST STEPS IN MECHANICAL TRANSLATION
John Hutchins
(University of East Anglia, Norwich, UK)
(3) [Corrected version (2005) of paper in: Machine Translation, vol.12 no.3, 1997, p.195-252]
From first conception to first demonstration: the nascent years of machine translation, 1947-1954
A chronology
John Hutchins

* * *

Precedenti post :

Su Adscriptor:

4. Il traduttore [elettro]-meccanico secondo Federico Pucci (17/06/2017)
3. Exclusivité : les inventions de Federico Pucci dans la traduction automatique (24/03/2017)
2. Histoire actualisée de la traduction automatique (17/03/2017)
1. Traduction automatique : une découverte extraordinaire (16/03/2017)

Su Translation 2.0:

7. Federico Pucci, linguiste émérite, inventeur et précurseur de la traduction automatique (27/07/2017)
6. Le traducteur [électro]-mécanique selon Federico Pucci (16/06/2017)
5. Exclusivité : Federico Pucci, inventeur du premier "traducteur mécanique" des temps modernes (02/04/2017)
4. Premier texte au monde sur la traduction automatique (15/03/2017)
3. Federico Pucci, pioniere della traduzione automatica (13/03/2017)
2. Federico Pucci : LE précurseur de la traduction automatique (13/03/2017)
1. Traduction automatique : SCOOP sur le traducteur dynamo-mécanique ! (12/03/2017)

* * * 


P.S. Federico Pucci, uomo d'ingegno e di cultura, detto da sua figlia, è nato a Napoli il 23 marzo 1896, e deceduto a Salerno il 6 marzo 1973, pochi giorni prima di compiere i suoi 77 anni.


E’ il pronipote, per via paterna, di Francesco Benzo Duca della Verdura, dapprima Intendente della Basilicata, poi Pretore e Intendente di Palermo tra il 1849 e il 1858, gentiluomo di camera del re Ferdinando II delle Due Sicilie, ed inoltre poliglotta ed interprete del re.

Aucun commentaire: